progetto | avvertenze | scrivici | primapagina | forum dei cittadini | rss |

IlLicatese.it - informazione e approfondimento per Licata

gio, 15 novembre


 
>> ricerca avanzata
cerca:

 


-Opera lirica madame Butte..
-BLS2..
-BLS4..

>> tutti i video

 

 

 

l'hosting web fornito da

Aruba.it

 

il progetto 

avvertenze 

collabora con noi 

scrivici 

primapagina 

rss 

archivio/cerca 

forum dei cittadini 

pubblicità 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
notizie locali >> articolo

invia stampa

Renzi, Faraone e il partito “macedonia”

di Gaetano Cellura, 26.02.2015

 

Benvenuti nel partito macedonia: c’è posto per tutti, ex democristiani, ex Forza Italia, ex grillini. C’è posto per tutti quelli attratti dalla calamita del potere. Un potere attualmente nelle mani di uno solo. C’è posto, signori della politica. E non da ora che il partito e il suo leader sono al governo, ma già dal giorno in cui era chiara la direzione in cui spirasse il vento. Verso il Pd di Renzi, il rottamatore.


E mentre i partiti di centrodestra gli si sfarinavano attorno, perché non avevano più il potere a far da collante e a tenerli uniti, o si spostavano su posizioni xenofobe.


Dunque, venite gente. Aperte sono le porte del Partito democratico, a Roma e a Palermo. Aperta è la porta della Leopolda siciliana del 28 febbraio.


Peccato che questa stessa forza d’attrazione il Pd non l’abbia né ad Agrigento né a Licata. Altrimenti anche in questi grossi comuni della provincia ci sarebbe stata la corsa a farne parte: e sia nella Città dei Templi che a Licata se ne riconoscerebbe oggi il ruolo guida e verrebbe accettato il suo candidato sindaco. Invece la situazione che si registra nelle due città, e a Licata in particolare, è questa: dialogo con tutti, ma accordo ancora con nessuno.


Il Pd non riesce a far accettare il proprio candidato ai suoi possibili (e mutevoli) alleati ed esita a dare il proprio assenso al candidato o ai candidati degli altri. Risultato: nulla. Nulla di nulla, finora. O al massimo la riproposta delle Primarie di coalizione per uscire dall’impasse. Primarie che nessuno vuole. E che sono come il fumo negli occhi per chi non le ha mai fatte (e naturalmente le teme solo a sentirne parlare).


Ci mancava ora la Leopolda siciliana del sottosegretario Faraone, proconsole di Renzi nell’Isola, per riunire e benedire questa tumultuosa corsa verso il Pd “macedonia” di questi tempi. Arrivano da ogni dove per ingrossarlo e farne sempre più una nuova Democrazia cristiana.

E cioè la parodia della vecchia Democrazia cristiana, che era un partito serio nonostante i suoi difetti. Ma quali altri partiti non ne avevano? Nulla comunque erano, questi difetti, al confronto di quelli offerti dallo spettacolo odierno. In cui non si capisce più cosa rimane di sinistra in un partito che comunque della tradizione e della storia della sinistra è figlio.


Renzi è bravo, senza dubbio. Il suo governo ha introdotto la responsabilità civile dei magistrati, ma ha riportato il diritto del lavoro agli anni Cinquanta. È stato bravo a far del programma di Confindustria sul lavoro il suo programma, il suo Jobs Act. È stato bravo a ignorare su una riforma così importante per la vita di chi lavora sia il parere della minoranza interna che quella del sindacato. Complimenti.


Ma tant’è. È bravo e piace. Almeno finora piace al paese. Il Pd di Agrigento e di Licata avrebbero bisogno di un suo replicante per vincere le prossime elezioni comunali.


Quanto al sottosegretario Faraone, sembra voler seguire l’esempio del suo leader: una Leopolda siciliana per iniziare anche lui la scalata al potere. Renzi continua a dire ripetutamente che cambierà l’Italia. Faraone dirà, fra qualche mese, che cambierà la Sicilia. Ma quel che rimane della sinistra, in Italia e in Sicilia, forse avrà già preso un’altra strada.


Pubblicato su www.grandangoloagrigento.it

 

 

 

[ Dai la tua opinione su questo argomento ]

 

 

 

invia l'articolo via email

versione stampabile

proponi un tuo articolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

>> tutti gli eventi

 

 

 

iscriviti per essere aggiornato
con IlLicatese.it

 

 

 

 

 

 

 

 

IlLicatese.it - Il portale dei cittadini di Licata
Blog informativo gestito in via indipendente da volontari e gruppi di associazioni nell'area licatese