progetto | avvertenze | scrivici | primapagina | forum dei cittadini | rss |

IlLicatese.it - informazione e approfondimento per Licata

merc, 14 novembre


 
>> ricerca avanzata
cerca:

 


-Opera lirica madame Butte..
-BLS2..
-BLS4..

>> tutti i video

 

 

 

l'hosting web fornito da

Aruba.it

 

il progetto 

avvertenze 

collabora con noi 

scrivici 

primapagina 

rss 

archivio/cerca 

forum dei cittadini 

pubblicità 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
notizie locali >> articolo

invia stampa

Il comune informa

di Francesco Morello, 26.02.2015

 

PRESENTAZIONE ISTANZE  PARTECIPAZIONE PROGETTO HOME CARE PREMIUM

PROROGA TERMINI

 

Il termine di scadenza per la partecipazione al Progetto Home Care Premium è stato prorogato al 31 marzo 2015, ore 12,00.

 

A darne notizia è il Coordinatore del Distretto Socio – Sanitario Licata – Palma di Montechiaro – D5, d.ssa Francesca Santamaria

 

 Il suddetto progetto, il cui bando è stato erogato dall’Inps Gwestione Dipendenti Pubblici (ex Inpdap),   come è già noto, si pone l’obiettivo di attuare e sostenere interventi di assistenza domiciliare di supporto alla non autosufficienza e allo stato di fragilità, ed è rivolto a dipendenti e pensionati pubblici, utenti della gestione INPS- ex INPDAP, ai loro coniugi conviventi e i loro familiari di primo grado, (genitori e figli) non autosufficienti residenti nell’ambito del Distretto socio-sanitario D5, ed ha lo scopo di sostenere e definire interventi assistenziali con un contributo economico per prestazioni essenziali di sostegno alla vita quotidiana, fino ad un valore massimo di € 1.200,00 mensili, quantificato in base al bisogno ed alla capacità economica del nucleo familiare ed erogato direttamente alla famiglia del beneficiario, oltre che supportare gli utenti nell’affrontare, risolvere e gestire le difficoltà connesse allo status di non auto sufficienza proprio o dei propri familiari. Sono previste inoltre, prestazioni integrative (servizi professionali domiciliari, sollievo, servizi di accompagnamento e trasporto, pasti a domicilio, ausili e domotica).

      

SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO PER QUANTO RIGUARDA L’EMERGENZA METEO

 

 

       Contrariamente alle incaute voci allarmistiche diffuse ieri sera da qualche anonimo idiota, le condizioni di sicurezza del fiume Salso sono costantemente sotto controllo, e al momento in cui scriviamo, le ore 12,00 di oggi, il centro abitato non corre alcun rischio di esondazione.

Assicurazioni in tal senso ci pervengono dalla sala operativa dell’ufficio di protezione civile del Comune, guidata dall’arch. Giuseppe Ferraro alla luce dei dati raccolti grazie al continuo monitoraggio, fatto in stretta collaborazione con i competenti uffici regionali, della situazione atmosferica generale.

<<Dai dati in questo momento in  nostro possesso – spiega l’arch. Ferraro – le previsioni portano ad un costante livello di miglioramento delle condizioni atmosferiche da qui a domenica prossima. Il livello delle acque nei punti di monitoraggio di Ponte Besaro e Drasi oscilla, ed al momento anche i dati ricavati dai punti di osservazione del venturimetro e del ponte tubo, ubicati all’interno del nostro territorio comunale sono su livelli di piena sicurezza.  Ciò significa che stiamo sopportando bene l’onda di maggiore piena che sta scaricando a mare. Una seconda piena l’aspettiamo per questa sera attorno alle ore 20,00, ma sempre su livelli di assoluta sicurezza. Il tutto si intende tranne imprevisti>>.

Qualche fenomeno di esondazione si sta registrando nei punti classici del nostro territorio comunale <<ma anche in questo caso – sottolinea Ferraro – la responsabilità dell’uomo non è esente, avendo i soliti ignoti intasato i canaloni anche con ingombranti che poi ostruiscono il normale deflusso delle acque. Tra l’altro, già prima ancora che scattasse l’allarme abbiamo chiesto, come Comune, l’intervento del Consorzio di Bonifica Gela 5 per gli interventi di sua competenza>>.

Intanto in merito al falso allarme di ieri sera, dall’Ufficio di Protezione civile,  non solo  ricordano a chi se ne è reso protagonista, e a chi volesse ulteriormente agire in tal senso,  che quanto accaduto configura anche il reato di procurato allarme, perseguibile penalmente , ma anche il fatto che, dopo quell’allarme ha intasato i telefonini in dotazione al servizio di protezione civile, rendendo difficili i collegamenti con i competenti organismi con i quali è necessario essere assiduamente in contatto per tenersi costantemente aggiornati sull’evoluzione della situazione. A tal proposito il Comune si riserva di procedere legalmente nei confronti di  coloro che dovessero continuare ad agire in modo così insensato. Non solo, ma va pure rilevato che i procurati allarmi senza ragione di essere potrebbero poi cagionare il fenomeno del lupo al lupo, nel senso che quando arriva il vero allarme la popolazione non potrebbe tenerne conto con tutti i i rischi che ne potrebbero derivare.

Ora più che mai è necessario mettere in mostra il vero senso civico di ogni singola persona e fare uso dei nuovi mezzi di comunicazione di massa in modo saggio.

 

 

 

[ Dai la tua opinione su questo argomento ]

 

 

 

invia l'articolo via email

versione stampabile

proponi un tuo articolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

>> tutti gli eventi

 

 

 

iscriviti per essere aggiornato
con IlLicatese.it

 

 

 

 

 

 

 

 

IlLicatese.it - Il portale dei cittadini di Licata
Blog informativo gestito in via indipendente da volontari e gruppi di associazioni nell'area licatese