progetto | avvertenze | scrivici | primapagina | forum dei cittadini | rss |

IlLicatese.it - informazione e approfondimento per Licata

sab, 17 novembre


 
>> ricerca avanzata
cerca:

 


-Opera lirica madame Butte..
-BLS2..
-BLS4..

>> tutti i video

 

 

 

l'hosting web fornito da

Aruba.it

 

il progetto 

avvertenze 

collabora con noi 

scrivici 

primapagina 

rss 

archivio/cerca 

forum dei cittadini 

pubblicità 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
notizie locali >> articolo

invia stampa

Chiusura dei punti nascita

di redazione, 01.03.2015

 

I nuovi nati nel 2015 non emetteranno più il loro primo vagito negli ospedali di Licata, Cefalù, Paternò e nella clinica Argento di Catania. È questo, infatti, il provvedimento dell’assessore regionale alla Salute, Lucia Borsellino, che chiude le porte delle sale parto nei suddetti  punti nascita. Il provvedimento segue le direttive della nuova rete ospedaliera varata lo scorso 23 gennaio, in continuità con le precedenti chiusure dei punti nascita. Nel 2012, infattierano  state chiuse le 15 sale parto pubbliche e private, tra cui Leonforte e Piazza Armerina, l’anno successivo è stata la volta di Niscemi, Mazzarino, Augusta, Alcamo e Mazara, mentre lo scorso anno lo stop alle nascite era arrivato per Barcellona e  Mistretta, oltre alle case di cura private Valsalva di Catania, Orestano e Demma di Palermo, Villa Rizzo di Siracusa e Villa dei Gerani di Trapani.

Le disposizioni - precisano dall’assessorato - riguardano le attività di ostetricia finalizzata alla nascita: insomma, le donne in dolce attesa potranno continuare ad essere seguite dai ginecologi e soltanto al momento del parto dovranno spostarsi in strutture complesse.In questa fase intermedia nei punti nascita che saranno chiusi resterà, dunque, temporaneamente attiva la guardia ostetrico-ginecologica h24 fino al completamento della dismissione. Saranno le aziende sanitarie, invece, a dover garantire la messa in sicurezza del percorso di assistenza alle future mamme, assicurando contemporaneamente le condizioni di ricettività in sicurezza dei punti nascita che dovranno accogliere la maggiore domanda, nonché altre attività di supporto alle famiglie. Da piazza Ottavio Ziino precisano infine che le aziende interessate avranno anche il compito di informare i territori sulla nuova organizzazione dei servizi per l'assistenza materno-infantile.

 

 

 

[ Dai la tua opinione su questo argomento ]

 

 

 

invia l'articolo via email

versione stampabile

proponi un tuo articolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

>> tutti gli eventi

 

 

 

iscriviti per essere aggiornato
con IlLicatese.it

 

 

 

 

 

 

 

 

IlLicatese.it - Il portale dei cittadini di Licata
Blog informativo gestito in via indipendente da volontari e gruppi di associazioni nell'area licatese