progetto | avvertenze | scrivici | primapagina | forum dei cittadini | rss |

IlLicatese.it - informazione e approfondimento per Licata

lun, 20 agosto


 
>> ricerca avanzata
cerca:

 


-Opera lirica madame Butte..
-BLS2..
-BLS4..

>> tutti i video

 

 

 

l'hosting web fornito da

Aruba.it

 

il progetto 

avvertenze 

collabora con noi 

scrivici 

primapagina 

rss 

archivio/cerca 

forum dei cittadini 

pubblicità 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
approfondimenti >> articolo

invia stampa

“FUORI DA GIRGENTI ACQUE”

di Angelo Cambiano, 19.10.2015

 

Tra pochi giorni il Consiglio Comunale sarà chiamato ad esprimersi sul ritorno alla gestione diretta dell’acqua pubblica. E’ stata trasmessa oggi la proposta che vede Licata assieme ai Comuni di Palma di Montechiaro, Naro, Grotte, Racalmuto, Canicattì e Campobello di Licata tutti soci del Consorzio Tre Sorgenti, ad essere riconosciuti come sub-ATO, organo che permetterebbe la gestione pubblica e diretta del servizio idrico.

 

Il Sindaco con propria direttiva n° 105  del 5/10/2015 aveva dato avvio attraverso gli uffici competenti al percorso indicato dalla legge regionale n° 19 del 11/08/2015 che all’art. 5, comma 6 stabilisce:

 

“I Comuni afferenti ai disciolti Ambiti Territoriali Ottimali presso i quali non sia determinato effettivamente l’implementazione sull’intero territorio di pertinenza della gestione unica di cui all’art. 147, comma 2, lett.b), del Decreto Legislativo n° 152/2006 e successive modifiche ed integrazioni, con deliberazione motivata da assumere entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, possono adottare le forme gestionali del comma 7 dell’art. 4”.

 

Ritenendo l’argomento “acqua pubblica” fondamentale oltre che vitale per i propri concittadini, e dato atto che l’attuale gestione privata del servizio è risultata fallimentare a danno dei cittadini, l’Amministrazione Comunale,  condividendo le premesse della legge Regionale n° 2/2013 all’art. 1 comma 1 che recita:

 

“La Regione riconosce l’acqua quale patrimonio pubblico da tutelare e trattare in quanto risorsa limitata di alto valore sociale, ambientale, culturale, economico; considera, altresì, l’accesso all’acqua quale diritto umano, individuale e collettivo e indirizza prioritariamente i propri obiettivi alla salvaguardia dei diritti e delle aspettative delle generazioni future”

 

garantirà il completamento dell’iter così come stabilisce la legge.

Il Sindaco       

f.to Dr. Angelo Cambiano





 

“Domani, martedì 20 Ottobre, il Consiglio Comunale si esprimerà circa il ritorno alla gestione diretta dell’acqua pubblica.

 

Secondo quanto proposto, i Comuni di Licata, Palma di Montechiaro, Naro, Grotte, Racalmuto, Canicattì e Campobello di Licata, tutti soci del Consorzio Tre Sorgenti, potranno essere riconosciuti come SUB-ATO, organo che permetterebbe la gestione pubblica e diretta del servizio idrico.

 

La scelta di questa Amministrazione è frutto degli incontri durante i quali si è discusso, insieme ai Sindaci dell'Agrigentino, ai Segretari Comunali e ai Dirigenti Tecnici, dell'iter procedurale della nuova norma regionale.

 

Con direttiva n° 105  del 5/10/2015 è stato dato avvio, attraverso gli uffici competenti, al percorso indicato dalla legge regionale n° 19 del 11/08/2015.

 

La Legge Regionale dell'11 Agosto 2015, N. 19, che disciplina le risorse idriche, oggi offre uno strumento agli amministratori che vorranno rendere finalmente il servizio più efficiente per i cittadini e la possibilità per i Comuni di svincolarsi dalle gestioni private.

 

E' frutto di una lotta che ha impegnato negli ultimi due anni Sindaci, partiti politici, Comitati sorti spontaneamente e liberi cittadini.

 

La posizione di chi governa oggi la Città coincide con le rimostranze portate avanti fin dalla scorsa amministrazione, quando, da Vice Sindaco, in rappresentanza dell'allora amministrazione Balsamo, ho partecipato insieme ai Sindaci dell'Agrigentino al sit-in di protesta che si è tenuto a Palermo, di fronte alla sede della Presidenza della Regione, per protestare contro la gestione privata delle acque e la disparità di trattamento nella determinazione delle tariffe, tra i 27 comuni, tra cui Licata, che, nel 2008, nel rispetto della Legge,  hanno regolarmente consegnato gli impianti idrici all’Ato, costretti a pagare tariffe ben più salate, e quelli invece che non l’hanno fatto e che hanno avuto  applicate  tariffe forfettarie e più leggere.

 

Quando si parla di servizio idrico, è doveroso ricordare che nel 2011 ben il 98 per cento dei siciliani ha detto sì all’acqua pubblica.

 

Il ritorno alla gestione pubblica del servizio idrico integrato dovrà, non solo eliminare l'aggravio dei costi generato da una gestione privata e fallimentare, contraria ai principi di economicità che avevano ispirato la costituzione degli Ato idrici,  ma, soprattutto, determinare un livellamento delle tariffe a carico dei cittadini, uguali per tutti, in modo da porre fine a quelle che è stata, negli ultimi anni, una anomalia agrigentina e siciliana”.

 

 

 

[ Dai la tua opinione su questo argomento ]

 

 

 

invia l'articolo via email

versione stampabile

proponi un tuo articolo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

>> tutti gli eventi

 

 

 

iscriviti per essere aggiornato
con IlLicatese.it

 

 

 

 

 

 

 

 

IlLicatese.it - Il portale dei cittadini di Licata
Blog informativo gestito in via indipendente da volontari e gruppi di associazioni nell'area licatese